martedì 6 settembre 2011

Passatempi da spiaggia.


Credo sia pratica abbastanza comune, notare e commentare mentalmente, mentre si è distesi sull’asciugamano a prendere il sole, tutti quei fighi che popolano la spiaggia e che ci sbattono in faccia (purtroppo solo in senso figurato) involontariamente tutta la loro prorompente fisicità.
Il bello di andare al mare con Andrea è che i pensieri mentali diventano reali nel momento stesso in cui nascono. Inizia così una sorta di gara a chi riesce a trovare il culo più bello, i pettorali più definiti, il ragazzo più arrapante, il pisello più stupefacente.

E se qualcuno dei due non nota l’armadio a quattro ante che passeggia sul bagnasciuga con la faccia da tiprendoetisbatto, ci pensa subito l’altro a chiedere “e quello?”. (sottointeso telofaresti?).

L’unico problema è che non riusciamo mai a trovare qualcuno che metta d’accordo entrambi. Come se dovessimo girare la versione italiana di “
A Shot at Love with Tila Tequila”.
Abbiamo due modelli maschili completamente diversi, tanto che in più di un’occasione ci siamo tranquillamente detti “ma io con te, che ci sto a fare?”. Perché poi alla fine né io, né lui incarniamo il nostro ideale di uomo. Ci piacciamo e basta, senza un perché. Come quelli che apprezzano o disprezzano i tagli su tela di Lucio Fontana.

Non abbiamo trovato un accordo nemmeno nel commentare una coppia di ragazzi che ci stava accanto. Indecisione totale su chi dei due era il più figo, terminata con un “io mi tromberei quello di destra”, “io quello di sinistra”. Sicuramente, ecco, non ci ruberemo gli amanti.



E’ capitato tuttavia che un giovane ragazzo con uno slip color salmone, dal quale si intravedevano mastodontiche sporgenze, con un culo scolpito nella pietra e dei pettorali modellati con il DAS, mettesse d’accordo entrambi.

Giuro, era uno spettacolo, sia nella versione bagnata, mentre con fare deciso emergeva dalle fredde acque del mare cagliaritano, sia nella versione asciutta, mentre il sole e il vento accarezzavano la sua pelle ambrata.

E quello stronzo del suo ragazzo, tra una risata e l’altra, gli palpava il culo!

Gigi

5 commenti:

dario 6 settembre 2011 15:59  

che è:
il pisello più stupefacente mmmmhhhh non so darmi una spiegazione.

Voglio la foto del ragazzo dallo slip salmone :) logicamente in versione bagnata :)))))))

Davide 6 settembre 2011 19:37  

Condivido ogni frase del post tranne quella stronzata su Fontana ma vabbè :)

Anyway ha ragione tu se io dovessi descrivere il mio tipo ideale sarebbe praticamente il tipo della foto del post! ecco lui è proprio perfetto. Eppure è lontano anni luce dalle fisionomie filippine di Ben che amo da impazzire e mi piace moltissimo pur non essendo biondo, nordico e con gli occhi azzurri. E cosi è la vita :)

Gigi 6 settembre 2011 20:57  

Ahahah Da, ti ho pensato mentre la scrivevo. Io sono rimasto scioccato quando li ho scoperti. Ti giuro, mi sono sforzato di vederci qualcosa di profondo ma non ci sono riuscito. Che poi mi rendo conto che è un mio limite, anche probabilmente dettato dall'invidia. Della serie "guarda quanto valgono degli insulsi tagli fatti da uno stronzo, roba che potrebbero fare pure le scimmie".

Secondo me l'arte è soggettiva. Solo che quando un quadro vale 9/10 milioni di euro, di soggettivo resta ben poco!

Perdona, se puoi, le mie bestemmie profane :)

Davide 7 settembre 2011 11:43  

Come cavolo fai a non vedere la profondità in un taglio?!?! Cioè più profondo di cosi non c'è nulla!
La genialata sta nel fatto che Fontana per primo è andato oltre la tela. Oltre la bidimensionalità in un dipinto. e senza usare la prospettiva. Ecco perchè un Fontana è un Fontana. Ha modificato lo status dell'osservatore da "uno che guarda" a "uno che c'è dentro".
L'arte concettuale non è difficile nella realizzazione ma nell'ideazione. Un artista non è tale perchè riesce a produrre cose difficili. Quello è un artigiano! Un artista produce idee, pensieri, cariche energitiche di innovazione mentale. :) è più chiaro??

Anyway ti perdono. Se tu non riesci a comprendere queste cose la colpa è mia e della gente come me che spesso spiega l'arte in maniera assolutamente incomprensibili per i non addetti ai lavori. D'altronde, per fortuna, ognuno di noi ha inclinazioni differenti. Altrimenti non avremmo realizzato un bel niente al mondo senza la mescolanza di idee e opinioni :P

Gigi 7 settembre 2011 14:11  

Si Dave, lo so che hai ragionissima e che la sua è stata una genialata. Però non riesco ad ammirarla, a differenza di altre, perchè purtroppo riduco tutto al fatto che lui ci è arrivato prima di qualsiasi altra persona. Tipo che è solo questo il motivo per cui è ammirato. Non per la bellezza dei tagli.

Nel senso, si, ha avuto un'intuizione che comunque avrebbe potuto avere chiunque e mi chiedo perché LUI sia diventato famoso.
Lo so che me lo chiedo da profondo ignorante in materia.

Cioè, l'unico pensiero positivo che mi trasmettono le sue opere è che potenzialmente siamo tutti degli artisti. Basta avere giuste intuizioni in giusti momenti.

Related Posts with Thumbnails
Si è verificato un errore nel gadget

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. Gli Autori dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi agli Autori di questo blog, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Alcune delle foto presenti su questo blog sono state reperite in internet: chi ritenesse danneggiati i suoi diritti d'autore può contattarci per chiederne la rimozione.

Hottest Men

Blogger templates made by AllBlogTools.com

Back to TOP