venerdì 30 settembre 2011

Corrida Shock.

Dal 2012 la Catalogna abolirà tutte le corride, mettendo fine a una tra le più crudeli torture legalizzate da parte dell’uomo nei confronti degli animali. Purtroppo le corride non riguardano solo i tori, ma spesso annoverano tra le vittime inconsapevoli anche i cavalli. Guardate questo video, alcune immagini sono un po’ crude.



Si, quello che si vede alla fine del video, è l’intestino del cavallo.

Gigi

giovedì 29 settembre 2011

Best Male Contest…and the winner is…

E finalmente è giunto alla fine il contest che ci ha tenuto compagnia per tutto il mese di Settembre. Si è concluso con una bella differenza di voti, sette punti di scarto per l’esattezza, accumulati durante tutte le sfide, ma recuperabili prima di quest’ultima, quando la mazza di Andrew Stetson ha messo fine alle speranze di uno dei due piccioncini. Ben 11 preferenze per lui, seguito a 4 voti da Rafael Verga e Bernardo Velasco a pari merito. Ultimo, e a questo punto lasciatemelo dire GIUSTAMENTE, David Gandy, a mio modesto parere uno tra i modelli più sopravvalutati del decennio.

Riepilogando:



3 punti per Andrew Stetson
2 punti per Rafael Verga
2 punti per Bernardo Velasco

E ora andiamo a scoprire sfida per sfida le rispettive scelte:

1) Attori Porno:

Gigi – Brent Corrigan e Brent Everett
Andrea – Milan Gamiani e Francois Sagat
Totale: Gigi 4 – Andrea 2



2) Attori Stranieri:



Gigi – Zac Efron e Ryan Philippe
Andrea – Chris Evans e Colin Farrell
Totale: Gigi 3 – Andrea 3

3) Attori Italiani:


Gigi – Kim Rossi Stuart e Fabio Fulco
Andrea – Daniele Pecci e Raul Bova
Totale: Gigi 4 – Andrea 2


4) Cantanti:

Gigi – Ricky Martin e Adam Levine
Andrea – Duncan James e Enrique Iglesias
Totale: Gigi 3 - Andrea 3

5) Sportivi:

Gigi – Matthew Mitcham e Gerard Piqué
Andrea – Novak Djokovic e David Beckham
Totale: Gigi 3 – Andrea 3

6) Modelli:

Gigi – Andrew Stetson e Rafael Verga
Andrea – Bernardo Velasco e David Gandy
Totale: Gigi 5 – Andrea 2

Gigi vince con 22 punti contro i 15 di Andrea!!!

Aggiungo un paio di commenti personali, poi Andrea se vuole aggiungerà i suoi, o tra i commenti o anche qui in home, in coda a questo post.

Cioè, ma vi pare possibile in un contest che premia la bellezza, infilare persone come François Sagat, che in quella foto specifica sembra una lucertola con lo scalpo colorato che non riesce ad arrampicarsi sulla doccia, o Milan Gamiani che ha una faccia che grida “sono un babbeo”? Per non parlare di Daniele Pecci, che si, portarlo a letto sarebbe meglio di una coperta elettrica, però dai su c’è di meglio! E Colin Farrell ed Enrique Iglesias? Sono indubbiamente bei tipi, ma io personalmente non li sceglierei mai tra tutto il panorama musicale e cinematografico mondiale, con tutte le giovani leve che ci sono. E Raul Bova? Bono per carità, ma dieci anni fa. Stesso discorso per David Beckham, ormai ha fatto il suo tempo. Discorso a parte per Duncan James, Chris Evans e Bernardo Velasco. Loro restano dei gran fighi e il mio unico rammarico è stato non averci pensato prima di Andrea. Su David Gandy ho già detto tutto.
E ora mi sento liberooooooooo!

Gigi

mercoledì 28 settembre 2011

Scarlett Johansson ancora nuda.

Ormai la vicenda è nota, complici le precedenti foto di nudo che la ritraggono e che hanno fatto ormai il giro del web. Le hanno rubato il telefono e non posso che esserle solidale. Tipo che se rubassero il mio, non so, finirei tra le grazie di Riccardo Schicchi.
Ma secondo voi, questi furti e queste pubblicazioni on line, dovrebbero servire da deterrente contro la circolazione di immagini private tra due persone che stanno insieme?

Intanto a voi, il culone della Johansson.
scarlett_johannson_nuda_1 
Vade Retro.

Gigi

Solo una firma qui.


Tra tutti i lavori che mai vorrei fare, credo di poter piazzare al primo posto il venditore di qualsiasi cosa. In particolar modo quelli che si piazzano di fronte ai centri commerciali e adescano povere casalinghe sessantenni che tra buste della spesa da caricare in macchina e veloce controllo dello scontrino per essere sicure di aver preso tutto, firmano qualsiasi cosa come se si sentissero Lady Gaga in uno dei tanti bagni di folla all’uscita da un hotel. E loro lo sanno, maledetti. Puntano a quel momento di stordimento, quando le povere vittime si incasinano tra il carrello da riportare in mezzo agli altri, che sbadatamente cozza contro la portiera della macchina, la spesa da caricare nel cofano, mentre tutta l’attenzione è rivolta alle bottiglie di passata di pomodoro e a quelle dell’olio, che costa quanto un’ora di lavoro e all’euro da recuperare col moschettone del carrello 9 volte su 10 difettoso.

Mia madre, ecco, lei è l’esempio lampante. L’altro giorno è rientrata a casa con tre libri e un dizionario. Libri che tra l’altro visti tutti in fila sul tavolo non lasciavano presagire nulla di buono. Dicembre è un mese crudele, Strage,
La casa dei corpi sepolti.
Nel dubbio io, a Dicembre, spero di non essere più a casa. Nel caso sparissi, cercatemi in giardino tra le ortensie e i monconi delle rose.

Le dico “mamma, ma quanto hai speso per quei libri?”, col timore di chi già pensa che per tutta la settimana successiva dovrà mangiare pagine e cagare definizioni.

"Niente, me li hanno regalati”. Pure contenta, come la volta in cui una cassiera sbadata le conteggiò sei bottiglie d’acqua in meno. “Mi hanno fatto rispondere a un sondaggio, poi firmare, ma io ho chiesto eh, se dovevo pagare qualcosa, mi hanno detto di no”.

E certo, non fa una piega. Anche Olindo e Rosa una volta han detto no.
Peccato non si fosse accorta di quel maledetto asterisco che rimandava a fondo pagina, dove con carattere 5, o altrimenti detto carattere della casalinga miope, venivano specificate le condizioni dell’abbonamento. Un catalogo di libri a casa ogni due mesi con l’OBBLIGO di acquisto di almeno 10 volumi durante tutto l’arco dell’anno.

Ora, non sarebbe male dare una svecchiata alla libreria, dove tra le altre cose campeggiano enciclopedie mediche di trent’anni fa, in barba alla scienza e al progresso, raccoglitori stracarichi di idee per l’arredamento della casa, quando il vintage di oggi era la moda dell’epoca e manuali del fai da te che sbirciavo quando ancora la parola sega aveva un significato univoco. Però ecco, magari farlo in maniera meno losca e che non profumi di imbroglio sarebbe più soddisfacente.
Così le ho detto “Mamma cazzo, la devi smettere di firmare cose a caso, adesso prendi carta e penna e scrivi una lettera per disdire tutto”.

E così ha fatto, povera donna, in preda alla disperazione per essersi fatta fregare. Però è ganza quando vuole. Si è inventata che li avrebbe denunciati per truffa e li ha invitati a presentarsi a casa a ritirare i libri e il dizionario, scrivendo testuali parole che “glieli avrebbe tirati dietro, maledetti imbroglioni”.

E ora attendiamo con ansia la risposta. Comunque non lasciatevi fottere dagli stronzi che vi chiedono firme o vi mettono in mano qualsiasi cosa (mai che ti mettessero in mano un pisello) puntando sull’imbarazzo che potreste sentire nel restituirgliela. Sia che vendano libri, sia che chiedano donazioni per fantomatiche ONLUS. E sfanculateli non appena vi accorgete che qualcosa non va. Se vuoi soldi lo dici all’inizio.

E che cazz.

Gigi

martedì 27 settembre 2011

Best Male Contest (Modelli).

Archiviata anche la penultima sfida, vince L’evergreen David Beckham, di misura su Gerard Piqué e il suo Piquetòn. 10 a 9 per i due belli del pallone, seguiti a sole 4 preferenze dal bel nuotatore biondino dichiaratamente omosessuale, Matthew Mitcham. Fanalino di coda con sole due preferenze il tennista Novak Djokovic.

Riepilogando:



3 punti per David Beckham
2 punti per Gerard Piqué
1 punto per Matthew Mitcham

L’ultima sfida di questo contest vede combattere una categoria nella quale è difficile trovare qualcuno che sia veramente brutto. Scendono in campo i modelli, per una battaglia che si rivelerà decisiva. Distanziati da pochissimi punti, ci giocheremo tutto oggi. Per cui ragazzi, mano sul mouse e votate il modello più bello, quello che regalerà a uno tra me e Andrea il potere di sfottere l’altro a vita. Il sondaggio come al solito sarà disponibile sulla barra laterale sinistra del blog.

Modello n°1: Andrew Stetson 
Andrew Stetson
Modello n° 2: Rafael Verga
Rafael Verga
Modello n°3: David Gandy
DavidGandy-DolceGabbanaGym01
Modello n°4: Bernardo Velasco
bernardo-velasco
Gigi

Jamey Rodemeyer, il tributo di Lady Gaga.

Uccidersi a soli 14 anni perché omosessuale. E’ successo a Buffalo e i media e internet, in questi giorni hanno ampiamente parlato della notizia, complice una Lady Gaga che si è da subito impegnata a fare in modo che gesti estremi come questo non si ripetano più.

In attesa di parlare con il presidente Barack Obama, come lei si auspica, ha regalato al suo piccolo fan un’esibizione in suo onore al iHeartRadio Music Festival a Las Vegas.




Gigi

lunedì 26 settembre 2011

I matrimoni omosessuali durano di più.


Quasi quasi credo che farò un angolo dei sondaggi inutilmente curiosi, tipo quello che ho scoperto oggi e che vi andrò a presentare.
Pare infatti che secondo uno studio del Office of National Statistics, i matrimoni formati da coppie omosessuali siano più longevi rispetto a quelli formati da coppie eterosessuali.

Per l’esattezza, durante i 5 anni di monitoraggio effettuati su più di 42.000 coppie omosessuali, in Inghilterra e in Galles solo il 2.5% è finito con un divorzio, a fronte di un 5.5% di divorzi tra le coppie eterosessuali.
Non ho ben capito però se tra le coppie eterosessuali sia stato preso lo stesso numero campione o un campione più ampio, poiché suppongo che in 5 anni le coppie eterosessuali sposatesi siano state molte di più rispetto a quelle omosessuali, con ovviamente percentuali di divorzio maggiori.

Si pensa, tra le altre cose, che questo trend sia fortemente influenzato dal fatto che prima del 2005, anno della legalizzazione delle unioni civili in Inghilterra, ci fossero già tantissime coppie omosessuali che desideravano sposarsi da tanto tempo, quindi con una lunghissima convivenza alle spalle che di fatto ha impedito la rottura del matrimonio. A differenza magari di una giovane coppia eterosessuale che si sposa dopo poco tempo dal fidanzamento e rompe pochi mesi dopo il matrimonio per incompatibilità di carattere.

Altri dati confortanti giungono da un altro sondaggio sempre riguardante il matrimonio tra persone dello stesso sesso.

Nel 1987 il 75% delle persone in Inghilterra e Galles diceva che fosse completamente sbagliato. Percentuale scesa al 38% nel 2008.
Le donne tra i 18 e i 29 anni si mostrano più tolleranti, con appena un 25% che rompe il cazzo per l’adozione di un bambino da parte di genitori omosessuali, contro un 46% di rompicoglioni tra gli uomini della stessa età.

Per me questi sondaggi non dicono nulla di nuovo. Secondo me il matrimonio è visto con maggior rispetto da coloro che hanno lottato per godere degli stessi diritti delle coppie eterosessuali e nella maggior parte dei casi diventa proprio il coronamento di un sogno durato anni e non la pazzia da fare dopo sei mesi di fidanzamento.
E per esperienza personale posso affermare che le donne sono più aperte mentalmente della maggior parte dei ragazzi, ma non solo quelle tra 18 e 29 anni, anche quelle over 30 addirittura con figli. Ed è singolare e gratificante che proprio loro, creature che fisicamente sono in grado di donare la vita, riconoscano che due persone dello stesso sesso siano in grado di poter crescere un bambino nel migliore dei modi.

Gigi

domenica 25 settembre 2011

Beata Innocenza.

kangaroo_sex


E beati loro!

Gigi

Sorridi…

Prima



Click!

Dopo
Gigi

sabato 24 settembre 2011

Best Male Contest (sportivi)

E’ giunta al termine anche la quarta manche del best male contest che ha visto trionfare in volata il bel cantante dei Maroon 5, Adam Levine con 9 preferenze. A seguire il biondone bisessuale dei Blue, Duncan James con 7 preferenze e nelle retrovie, 3 punti per Enrique Iglesias, l’unico uomo al mondo che si vanta di avercelo piccolo e 2 preferenze per Ricky Martin, da qualche anno bandiera del mondo omosessuale.

Quindi riepilogando:



3 punti per Adam Levine
2 punti per Duncan James
1 punto per Enrique Iglesias

Parte ora la quinta e penultima manche che vedrà protagonisti gli sportivi più belli del panorama mondiale. Ricordo che il sondaggio è disponibile nella barra laterale sinistra del blog. Buon voto!

Sportivo n°1: Matthew Mitcham

matthew mitcham
Sportivo n° 2: Novak Djokovic
novak_djokovic
Sportivo n°3: Gerard Piqué
pique
Sportivo n° 4: David Beckham
alg_beckhambillboard  
Gigi

IVA al 21%


Ieri sono stato all'Ikea per prendere una libreria Billy e ho avvertito un senso di fastidio nel vedere scritto 21% sullo scontrino. Spesso capita di sentire notizie in televisione e rimanere un semplice spettatore. La reazione può essere "per fortuna non è capitato a me" oppure "speriamo che cambi qualcosa", ma il tutto visto come un semplice spettatore che vede e sente ciò che succede intorno quasi passivamente.

Le cose poi cambiano quando quelle cose inizi a viverle e a provarle sulla propria pelle ed ecco allora che inizi veramente ad indignarti. Ed è un po' quello che è successo a me nel vedere quello scontrino che riportava 21%. Ovviamente la differenza di prezzo tra il 20 e il 21 percento non è esagerata per gli acquisti di basso/medio importo, ma resta comunque il fatto che alla fine chi devi accollarsi i costi di una crisi economica sono sempre i soliti proveri cristi. Certo, anche i "ricchi" che acquistano pagheranno il 21%... ovviamente ciò è vero, ma quando un "ricco" acquista un Mercedes da 40mila e passa euri lo fa di solito intestando l'auto all'azienda e quindi scaricandosi l'IVA e ciò succede in tantissimi altri acquisti.

Ma la cosa che fa ancora più arrabbiare è il pensiero che questo 21% non diminuirà dopo la crisi economica, ma rimarrà tale come tutti gli aumenti di tasse e balzelli che ci sono stati in passato e sarà oggetto sicuramente di ulteriori aumenti nella prossima futura crisi.

Cosa fare? Nulla perchè tanto la maggioranza degli italiani che sono andati a votare hanno scelto questo Governo quindi rispettiamo la loro volontà in attesa di tempi migliori.

Image Hosted by ImageShack.us

venerdì 23 settembre 2011

Outing Politico. Giusto o Sbagliato?

outing list
I primi dieci nomi dei politici omofobi omosessuali o presunti tali, sono stati pubblicati, come detto da tempo da Aurelio Mancuso, qui, da un gruppo di internauti anonimi che hanno deciso di sfidare qualsiasi legge sulla privacy. E’ indubbiamente la notizia del giorno, almeno per la comunità omosessuale, che oltre ad interrogarsi sulla veridicità di tali informazioni si chiede anche se un’azione di questo tipo sia giusta o sbagliata.

Secondo me è difficile prevedere quali reazioni possa scatenare una bomba del genere. Per ora molte delle principali testate giornalistiche omettono la notizia, basta fare un giro sul sito del Corriere, del Giornale, sull’Unione Sarda o la Nuova Sardegna. Anche Studio Aperto ovviamente non ne ha fatto parola, perché era giustamente più importante fare da traino a Quarto Grado con l’intervista alla madre di Salvatore Parolisi.



Altre riportano la lista, come Il Fatto Quotidiano o Repubblica.it.
Il problema principale, a mio avviso, resta la mancanza di prove, benché sappia per esperienza personale che certe “voci” in realtà la maggior parte delle volte si rivelano esatte. E’ un problema che in un certo senso svia l’attenzione delle persone dall’obiettivo principale di questo outing di massa. Sicuramente per molti sarà una questione di puro gossip, alla stregua degli scoop di Signorini & co, ben lontano dai principi di tale iniziativa, che si propone di rendere nota la profonda incoerenza di chi ci governa.

Io sono dalla parte di coloro che reputano sacrosanto il diritto del cittadino di conoscere i mille volti di chi siede in parlamento e tramite una pulsantiera decide le sorti del nostro paese. Come può, chi non sta bene con se stesso (perché è evidente che se tu omosessuale voti una legge contro i tuoi stessi interessi, non stai mica bene) votare per il bene dell’Italia e dei suoi abitanti?

E’ fuori da ogni dubbio che il Parlamento pulluli di omosessuali repressi, ciò che magari eviterei è che tutto si trasformi in una sorta di caccia alle streghe, dove il problema più grande diventi l’omosessualità di qualcuno e non la profonda, schifosa e subdola incoerenza che si dimostra votando NO a una legge contro l’omofobia, quando magari, la sera prima ci si sbatteva un altro uomo. 

Piccola nota a margine.
Fino a qualche anno fa, quando scivolavo giù per la montagna del sapone (cit.) pensavo che omofobia e omosessualità fossero proprio agli antipodi. Mi rifiutavo di credere che un omosessuale potesse arrivare al punto di danneggiare se stesso con prese di posizione decisamente forti in materia. Fino a quando con una persona del genere non ci sono stato. Io ho come dire, sondato l’ambiente ecclesiastico, qualcun altro di mia stretta conoscenza, l’ambiente politico.
Non è essere omosessuale che ti rovina la vita.
E’ essere uno schifoso omofobo omosessuale che rovina la tua e quella degli altri.

Gigi

giovedì 22 settembre 2011

Best Male Contest (Cantanti)

Si è appena conclusa la terza manche del Best Male Contest che ha visto contendersi la palma del più bello quattro stupendi attori nostrani. Vittoria a mani basse per Kim Rossi Stuart, che con 12 punti batte Raul Bova, emblema del maschio italiano, fermo a quota 7. Seguono Fabio Fulco, famoso più per la sua relazione con Cristina Chiabotto che per le doti recitative, a quota 5 e Daniele Pecci inchiodato a quota 1.



Riepilogando:


3 punti per Kim Rossi Stuart


2 punti per Raul Bova

1 punto per Fabio Fulco


Per la quarta manche vedremo in gioco la categoria cantanti, una per la quale c’è indubbiamente l’imbarazzo della scelta. Ricordo sempre che si può votare nel sondaggio sulla barra laterale sinistra del blog. Le scelte del sottoscritto e di Andrea sono:

Cantante n° 1: Duncan James



Cantante n° 2: Ricky Martin
ricky-martin-and-twins-3

Cantante n° 3: Enrique Iglesias
enrique_iglesias_2.0.0.0x0.420x317


Cantante n° 4: Adam Levine
adamlevine

Gigi

mercoledì 21 settembre 2011

Tutto su mia madre. (E le sue amiche)


Una delle cose verso le quali sono più insofferente è la mania delle madri di famiglia di vantarsi delle gesta dei propri figli. Sia in senso positivo che negativo. Ecco, magari per mia madre non esiste il primo senso.
Capita così che tra un caffé e l’altro, nelle rare occasioni in cui finalmente viene Gente per constatare la perfetta pulizia della casa, sputtani tutti i miei fatti privati.
Cose per le quali io vengo sempre fuori nel peggiore dei modi, come se io non fossi suo figlio ma un’entità malvagia che sovverte i principi della buona educazione che con fatica e sacrificio mi ha impartito.



Tipo la volta che ha trovato 17 calze nel mio letto non c’è stato un santo non invocato. Diciassette poi, la diciottesima ancora oggi non so che fine abbia fatto. Ho provato a spiegarle che non era colpa mia se nel sonno le perdevo, ma non ha voluto sentire ragioni. La sera stessa, riunione con le sue amiche col solo scopo di giocare il Jolly. Si, perché fanno a gara per chi espone il racconto più imbarazzante. Appena finisce una, attacca l’altra e non si salva più nessuno.

Quel giorno particolare però mia madre ha vinto a mani basse. Presa da un raptus omicida, dopo i fruttuosi scavi dentro il mio letto, ha lanciato fuori dal balcone la sedia della mia scrivania. Non sul balcone, no. Tre piani sotto, nell’orto, tra zucchine e pomodori.
Perché secondo lei, la sedia, non è un armadio nel quale mettere i vestiti. Ma non è colpa mia se quando vado a dormire quella maledetta mi tenta. E’ lì, che mi guarda con il suo poggiaspalle sinuoso e poi ha una capienza non indifferente. Praticamente illimitata, in altezza.

“Ma non va beneeee
°#!?@§#]*!?&$##§_§°çPé^£° (mia madre, ogni simbolo una parolaccia) perché lì sulla sedia prendono polvere e poi sono da lavare e stirare anche se li hai usati solo una volta”.
Perché ovviamente per legittimare il lavaggio dei capi, o devono essere sudati o visibilmente zozzi. Lanciando tutto nell’orto ha avuto un buon motivo per mettere in funzione la lavatrice.

Il tutto tra i vari commenti di approvazione delle sue amiche che prendevano appunti mentali sulle prossime torture da impartire ai propri pargoli dopo il lampo di genio di mia madre. Tipo che ne so, premere loro la testa sulla tavoletta del cesso sulla quale sono sbadatamente cadute due gocce di pipì. Come si fa per educare i cani insomma.

Oggi a pranzo ho appreso che una vicina di casa ha schiantato al muro la playstation di suo figlio. Se domani non mi sentite, sto mettendo insieme i tasti del pc.

Gigi

martedì 20 settembre 2011

Avrebbe dovuto fare “splash”.

E invece ha fatto…



BOOOOOOOOOOOOOM!

Gigi

lunedì 19 settembre 2011

Best Male Contest (Attori Italiani)

E’ giunta al termine anche la seconda manche di questo piccolo contest settembrino che ricordo, proclamerà, avvalendosi dell’importantissima valutazione dei lettori, chi tra il sottoscritto e Andrea ha il miglior gusto in fatto di uomini. Seconda sfida portata a casa a mani basse dall’attore Chris Evans con ben 17 preferenze, record assoluto finora, seguito a ruota dall’everTeen Zac Efron con 9 voti a favore. Chiudono la classifica Ryan Philippe con 4 voti e ultimo Colin Farrell ad appena 2 preferenze. Quindi, riepilogando:

3 punti per Chris Evans
2 punti per Zac Efron


1 Punto per Ryan Philippe

Al via ora la sfida tra gli attori del Bel Paese, che senza voler influenzare nessuno, è un po’ meno all’altezza della precedente. Per questa sfida abbiamo dovuto eliminare Luca Argentero poiché scelto da entrambi. Ricordo che si vota nel sondaggio sulla barra laterale sinistra del blog.


Attore n°1: Daniele Pecci
daniele-pecci-sexy-a-torso-nudo-123708

Attore n°2: Kim Rossi Stuart
kim
Attore n°3: Fabio Fulco
FabioFulco03

Attore n°4: Raul Bova
1205790168_raul-bova-2
Gigi

Tatuaggi tridimensionali.

stumpy-the-dolphin-tattoo

Non so se mi fa più simpatia o impressione :)

Gigi

domenica 18 settembre 2011

No a Twilight. Si a Taylor Lautner.


Credo di essere uno dei pochi teenager a non aver mai visto Twilight. Non vogliamo discutere in questa sede del fatto che io mi senta ancora un teenager. Non l’ho mai visto per pochi semplici e lineari motivi.


Prima di tutto perché sono estremamente fedele alla mia eroina Sarah Michelle Gellar, alias Buffy, che è stata indubbiamente la capostipite del filone vampiresco in tv. Non potrei mai tradirla guardando noiosi lungometraggi dove una stronza frigida si innamora di un uomo sbiadito dal cerone. E mi sta sul cazzo che un prodotto riciclato abbia avuto così tanto successo tra le generazioni odierne. Ma in che razza di mondo viviamo?

In secondo luogo, odio quel coglione là, come si chiama? Robert Pattinson? (ricerca su google, si è lui). Mi da l’idea di zozzo. Ma non nel senso buono del termine. Si, lo so che detto da uno che è cresciuto con il colera sotto il letto e l’echinococco dentro il frigo fa ridere. Però l’igiene personale è importante, anche quella che trasmettiamo inconsciamente alle altre persone. L’uomo sudato non mi fa schifo, anzi, c’è una certa componente erotica nell’ascella pezzata, però solo in quella non allergica all’acqua, almeno una volta al giorno.

Terzo, non sopporto quei film tirati per le lunghe perché fanno record di incassi, leggasi anche Harry Potter, del quale ho visto solo il primo film e mi è bastato per il resto della vita. Ora, dividere la terza parte in due parti, ma si può? E perché? Perché una minchiona, che nel frattempo ha imparato a truccarsi, è indecisa tra il vampiro e il lupo mannaro.

Ma porco giuda, ma anche Ray Charles se fosse vivo avrebbe scelto quello gnocco di Taylor Lautner. Ma io mi ci vedo proprio, strombazzato da cima a fondo, sopra un manto di foglie secche, con la terra che schizza in ogni dove, dalla foga del lupo mannaro che sbrana le mie carni e mi usa come un sacchetto biodegradabile. Si, di quelli che vantano mille funzioni e poi si squarciano al primo utilizzo.

Tutto in senso metaforico. E niente, non so, ma voi siete mai riusciti a guardare tutta la trilogia?

Gigi

sabato 17 settembre 2011

Al Mare – Abbronzatura.

abbronzatura
Ecco perché di solito, a una certa età, si smette di andare in spiaggia.

Gigi

Al Mare – Genialità.

Come far diventare un inutile piercing al capezzolo in qualcosa della quale non potremmo più fare a meno.

piercing

Gigi

venerdì 16 settembre 2011

Best Male Contest (Attori Stranieri).

Si è conclusa la prima manche del best male contest che ha visto trionfare il famosissimo attore porno Brent Corrigan, che ha mantenuto la sua leadership per tutto il corso della competizione, con ben 11 voti. Con appena un voto di differenza lo tallona a 10 Milan Gamiani, che si aggiudica la seconda piazza. Terza posizione per Brent Everett con sei voti e medaglia di legno per l’attore francese François Sagat con appena una preferenza.

Riepilogando quindi:

3 punti per Brent Corrigan.


2 punti per Milan Gamiani.
1 punto per Brent Everett.

Ben più difficile si prospetta la sfida fra i seguenti quattro famosi attori stranieri, che ricordo potete e DOVETE votare nel sondaggio sulla barra laterale sinistra del blog. Mi raccomando, siate numerosi! A voi:


Attore n°1: Zac Efron
zac efron


Attore n°2: Ryan Phillippe
ryan-phillippe
Attore n°3: Chris Evans
chris evans
Attore n°4: Colin Farrell
colinfarrell

Gigi

giovedì 15 settembre 2011

Non sono mai stato un perfetto casalingo.

 
Adoro la diversità di vedute che c’è tra un maschio medio, italiano, giovane, meglio se studente e una casalinga di mezza età. C’è qualcosa di affascinante nel nudo contrasto tra due stili di vita così tanto differenti. Si lo so, la scoperta dell’acqua calda. Che poi ci sono un’infinità di eccezioni, com’è giusto che sia, ma diciamolo, per un uomo, vivere in un porcile, spesso è motivo di vanto. Roba grossa, per la quale mia madre finirebbe internata con un esaurimento nervoso multiplo.

Ricordo ancora quando con i miei coinquilini facevamo a gara per chi raccattava più gomitoli di polvere sotto il letto. Una volta raccolsi una palettata intera. Fui venerato come una divinità, leader della settimana e immune da qualsiasi nomination. E poi sono del parere che gli anticorpi bisogna coltivarli da giovani. Conoscere il nemico prima di affrontarlo non può essere che un grande vantaggio. Per questo ho detto si all’ebola sotto il letto, alla tbc e alla peste bubbonica.
 


Mia madre, se potesse, si farebbe impiantare un braccio aspiratutto, in modo da poter aspirare qualsiasi cosa in tempo reale, dotato di sbuffo di vapore igienizzante a 200°, roba da sciogliere anche i mobili. A volte non abbiamo nemmeno finito di mangiare che lei è già lì, con la scopa che picchietta le nostre gambe intimandoci di levare le tende che lei deve pulire. Come un piccione che ha come unico pensiero quello di far sparire qualsiasi tipo di residuo commestibile dal pavimento.

Quando abitavo con i miei coinquilini non c’era motivo di usare la scopa in cucina. Le formiche ci dimezzavano il lavoro portandosi via le briciole. C’era una specie di tacito accordo, se loro non avessero superato un certo numero, noi le avremmo lasciate campare. Sono pur sempre creature di Dio. 

La mia scrivania, inoltre, era perennemente invasa da contenitori di yogurt, fazzoletti, cartacce, merendine, per non parlare delle bottiglie. Mi accorgevo che forse stavo esagerando quando alle due di notte, al buio, durante il tragitto per andare in bagno ne calciavo per sbaglio una creando l’effetto domino che poi portava tutti a maledirmi. Credo d’essere arrivato a qualcosa come dieci bottiglie vuote ai piedi della scrivania, nella vana speranza che il camion della differenziata sfondasse la parete e le prelevasse direttamente da lì. 

Tutte piccole abitudini che nel corso del tempo si devono perdere, secondo mia madre. Perché se viene gente e vede la casa incasinata è una vergogna. E’ da quando sono piccolo che mamma aspetta gente. Un periodo mi era venuta pure l’ansia a furia di aspettare. Perché poi non veniva mai un cazzo di nessuno e soprattutto non vedevo la necessità di spingerlo fino alla mia camera da letto. A meno che non fosse figo.



Ricordo la muffa sulle pareti del bagno, che in inverno diventavano verdi, ed era carino l’ambiente, davano un tocco di colore. A lungo andare il bianco stanca. Ovviamente i muri qui sono perfetti. Non una macchia, niente di niente. E se per caso sbadatamente si dovessero sporcare, c’è sempre lei, con lo straccio e la candeggina che fa risplendere perfino quelli.

Certo, ora che son cresciuto (un pochino) non so se riuscirei ancora a vivere in una discarica, però Dio, fa che possa trovare un compromesso con mamma, prima che mi vaporizzi la faccia, mi stiri le braccia e mi candeggi i peli del culo.



Gigi

mercoledì 14 settembre 2011

Il coming out di Justin Bieber: “Indossavo jeans da donna”.



Ve lo giuro vostro onore non mi sono innamorato di Justin Bieber. Che tra l'altro ha 17 anni, io alla sua età avrei fatto carte false per un aitante venticinquenne maniaco sessuale. Ma anche adesso che ho accanto un maniaco sessuale poco aitante. (Dovevo ridimensionare la sua immagine dopo aver paragonato il suo pisello a un telecomando Sky).

“E sti due post di seguito su Justino dopo che non te l'eri mai inculato in quasi tre anni di blog?”


Eh devo ammettere che il ragazzo tira, come si può intuire da questo commento lasciato nel post precedente:

bieber

Dove si ipotizza che abbia dei muscoli e addirittura un pisello, roba da matti. Io l’avrei fatto ermafrodita. Comunque il senso del post è un altro. Voglio rendervi partecipi delle sue dichiarazioni rilasciate durante un’intervista alla Fashion’s Night out di New York:

“Fino a poco tempo fa indossavo jeans da donna, perché mi stavano meglio” per poi aggiungere, di fronte agli sguardi increduli dei giornalisti presenti “Non mi interessa se un capo è da uomo o da donna, quello che importa è che mi piaccia e che mi stia bene addosso.”

Che poi è quello che dicevo io, quando i miei amici mi facevano notare che nell’etichetta dei miei jeans c’era scritto qualcosa tipo Trendy Girl. E poi aggiungevo che mia madre, che mio malgrado comprava vestiti a mia insaputa, non conosceva bene l’inglese. E poi bastava staccare l’etichetta, mi facevano un bel culo.

La tragedia arrivava quando in uno slancio di generosità comprava anche magliette. Lì era un po’ difficile cancellare la scritta stampata a caratteri cubitali sul petto “thebestgirlintheworldforever”. Scherzo, ma mica tanto. L’ho dovuta obbligare a raggiungere un compromesso. Niente scritte sulle mie magliette.

E pensavo scioccamente d’aver messo fine all’incubo dei vesti osceni. Fino a quando, sempre lei, mia madre, felice come Paolo Ruffini per l’approdo di Roberto Saviano e Benedetta Parodi a La7, nella convinzione d’aver fatto l’affare del secolo mi si presentò a casa con una polo evidenziatore. Mica Rosa. No un colore che gridava “sono frocio” da ogni fibra.

Ho dovuto metterla per non spezzarle il cuore. Ma la seconda volta, dopo aver abbagliato un tipo in motorino con i miei colori sgargianti, ricevendo in risposta un “Finocchiooooo”, l’ho infilata nel contenitore per la raccolta dei vestiti.

Al che le ho detto: “mamma, fammi un favore, comprami solo magliette nere”. E così ha fatto. Ho già collezionato talmente tante magliette nere che ora mi basta aprire l’armadio per ricevere una ventata di depressione.

Alla prossima credo che le dirò: “mamma, sgancia i soldi che ai miei vestiti ci penso io”.

Comunque Justin, io sono con te. Non credo esista omosessuale su questa terra che in tutta la sua vita non abbia indossato almeno una volta o ripetutamente jeans da donna.
Dai Justino, su che ci siamo quasi.

Gigi

martedì 13 settembre 2011

Justin Bieber e la gioia di diventare padre.


Odio Justin Bieber. E l’ho piazzato nel titolo per salvare dalla morte le quindicenni urlanti che lo seguono ovunque e minacciano il suicidio ogni volta in cui vedono una foto del loro amato che slinguazza la sua donna. Tale Selena Gomez, che da ignorante in bimbologia non so nemmeno chi sia. Mi sento quasi vecchio, le mie conoscenze in teen star si fermano al cast di Gossip Girl. E poi mi devo mettere in testa che non ho più vent’anni e che esiste un luogo chiamato galera. 

Le salverò portandole qui con l’inganno e suggerendo loro di volare immediatamente al post sotto questo. Così finalmente avranno modo di vedere uomini veri. Sui quali vorrei sbilanciarmi e poter scrivere fiumi di inchiostro, ma terrò tutto a mente per quando potrò. Intanto sappiate che sono già partiti i primi pesanti sfottò. Tremo al sol pensiero della sorte che toccherà a colui che uscirà perdente da questo contest.

(Quindicenni, scherzavo. Proseguite solo se siete maggiorenni).

Il senso di questo post nasce da una recente dichiarazione del Bieber internazionale :

"Per i miei 25/26 anni, mi piacerebbe vedermi sposato o già in procinto di creare una famiglia. Vorrei essere un papà giovane.”

Che è più o meno quello che dicevo io alla sua età, consapevole del fatto che per diventare padre sarei dovuto passare per un gigante buco nero. Non solo in senso figurato.
Quindi tanto valeva farlo subito, per togliersi il pensiero. Mi tormentava come la faccia di IT dietro le griglie di un tombino, come un gigantesco mostro nascosto nell’armadio, come un assassino armato di coltello che ti aspetta dietro ogni porta aperta per metà. 

E poi mica era importante avere vicino qualcuno con cui crescerlo, no, per un bambino avrei rinunciato a qualsiasi cosa, anche al sesso mattutino, quando il testosterone raggiunge l’apice e tra le mutande ti sembra d’avere un flauto con quattro scale musicali diverse che aspetta solo d’essere suonato.

Ma all’epoca pensavo ancora che un bukkake fosse un dolce tipico croato e il dildo un modo diverso di chiamare la plastilina didò.

Che il buon Justin voglia anticipare i tempi della sua paternità una volta scoperto l’andAZZO?

Ne riparleremo quando avrai 25/26 anni Justino e scoprirai di aver ancora tanto da dare al mondo gaio.

Gigi

lunedì 12 settembre 2011

Best Male Contest (Attori Porno)

Si sfida oggi il poker di attori a luci rosse, rigorosamente omosessuali, scelti dal sottoscritto e da Andrea. Di seguito troverete le foto e i nomi, in modo che qualora vogliate possiate tirarvi segoni con un numero maggiore di foto o video approfondire la “ricerca”. Il sondaggio sarà disponibile già da ora, nella barra laterale sinistra del blog. I punteggi verranno decretati nel seguente modo: 3 punti al primo, 2 al secondo e 1 al terzo. Alla fine del contest la somma dei punteggi delle varie manches stabilirà un vincitore, quello col miglior gusto in fatto di uomini. Sempre alla fine del contest, pubblicheremo tutti i retroscena, le scelte e i vari punteggi divisi per manches.

E ora non mi resta che augurarvi BUONA VISIONE!

Attore n°1: Brent Corrigan
BrentCorrigan051 

Attore n°2: François Sagat
francois sagat 

Attore n°3: Milan Gamiani
milan_gamiani__009_02

Attore n°4: Brent Everett
brent everett

A voi ragazzi e ragazze, VOTATE!

Gigi

domenica 11 settembre 2011

Parkour.

Loro si che ce l’hanno nel sangue. Tranne il mio, che una volta s’è fatto due piani dopo aver miseramente fallito un salto.





Buona Domenica Blog!

Gigi

sabato 10 settembre 2011

A Napoli succede anche questo

Guardate il video e poi...



... ditemi se non è stato uno scherzo che la commissione sornionamente ha voluto fare al candidato oppure è veramente stato tutto frutto del caso e di una traumatica (per il candidato ovviamente) dimenticanza?

Dopo che uno ha sgobbato per anni dietro libri, esami e professori schizzofrenici, dopo che ha passato altri mesi chiuso negli interrati delle biblioteche alla ricerca di nonsochè, dopo che ha accettato di vestirsi come un pinguino e organizzato feste e inviato inviti a tutto il mondo, dopo che ha discusso con grandi emozioni la tesi....e no!...proprio non si può accettare uno scherzo del genere.

Per fortuna che il ragazzo era un tipo con spirito.

Image Hosted by ImageShack.us

Crolla il tradimento tra le coppie omosessuali rispetto al 1975.


Sul numero di settembre della rivista Family Process è apparso uno studio secondo il quale il tradimento tra coppie omosessuali di sesso maschile è calato dall’83% nel 1975 al 59% negli anni 2000.

E non è tanto il fatto che il dato sia calante che ha attirato particolarmente la mia attenzione, quanto quel 59% di tradimenti che ancora oggi si consumano al di fuori del "talamo matrimoniale".
Il che significa che se due coppie omosessuali decidessero di uscire a cena una sera, in quel tavolo ci potrebbero essere ipoteticamente ben due traditori. A quel punto converrebbe uscire a cena con una coppia aperta, almeno le percentuali se le giocherebbero loro e noi potremmo stare tranquilli. Anche se ci sarebbe un 9% da smaltire.

O ancora peggio, fermandosi banalmente a riflettere un pochino, significa che se in una coppia non sono io il traditore lo è per forza di cose l’altra persona. Quindi in pratica, secondo tale sondaggio, optando per un fidanzamento, al 59% vi state piazzando in testa un paio di corna o sempre al 59% le regalerete nelle prossime settimane al vostro futuro partner.

Va meglio alle coppie lesbiche, la cui percentuale di tradimento è passata dal 28% nel 1975 ad appena l’8% nel 2000. Roba che è quasi più facile fare un ambo al lotto.

Tra gli uomini eterosessuali che tradiscono le proprie donne invece la percentuale è scesa dal 28 al 10%, mentre tra le donne dal 23 al 14%.

In parole povere, le lesbiche sono le più fedeli, le donne eterosessuali tradiscono più degli uomini e gli omosessuali la prendono nel…

Gigi

venerdì 9 settembre 2011

CBCR



Così si diceva un tempo…

Gigi

Neologismi da trota.

Renzo Bossi, consigliere regionale in Lombardia da 12.000 euro al mese, bocciato tre volte alla maturità, durante un’intervista al Giro della Padania cade sul verbo proseguire e guardate cosa è in grado di partorire:



Gigi

giovedì 8 settembre 2011

Best Male Contest


Sullo spunto del post di qualche giorno fa, sulla diversità di gusti in fatto di uomini, io e il consorte abbiamo deciso di proporvi un gioco, che servirà prima di tutto a sciogliere l’eterno dilemma su chi, tra il sottoscritto e Andrea, non capisce proprio un cazzo di estetica maschile.

Stanchi di discutere su questo punto, siamo giunti alla conclusione che serve necessariamente un giudizio esterno che funga da aggravante durante i nostri accesi confronti.
Qualcosa che suonerebbe tipo così “Anche i lettori del blog hanno detto che non capisci un cazzo di uomini, taci”, troncando di fatto sul nascere ogni eventuale litigio.
Ergo vi saremmo eternamente grati se ci deste una piccola mano…come?

Partirà oggi un mini concorso durante il quale, per ogni sfida, io e Andrea posteremo due foto ciascuno, scelte secondo la categoria in gioco. Scoprirete solamente alla fine del contest chi ha vinto scegliendo di volta in volta le foto migliori degli uomini più fighi del pianeta.
Le categorie in gioco sono:

- ATTORI PORNO

- ATTORI STRANIERI

- ATTORI ITALIANI

- CANTANTI

- SPORTIVI

- MODELLI

Per ogni sfida potrete votare al massimo una fra le quattro foto proposte, attraverso il sondaggio che troverete sulla colonna di sinistra del blog. Per ogni sondaggio avrete tempo quattro giorni per votare.

Alla fine delle 6 manches di gioco il piccioncino che avrà ricevuto più voti per i propri prescelti verrà nominato quello con il miglior gusto in fatto di uomini e verrà di conseguenza sfottuto a vita dall'altro e da chiunque voglia insultarlo gratuitamente per i gusti pessimi.

Il gioco partirà in questi giorni, quindi stay tuned!

Gigi

Stoccata di Madonna a Lady Gaga: “è ossessionata da me”.


Lotta tra regine quella che si è consumata proprio qui in Italia durante la recente mostra del cinema di Venezia.

Intervistata dal giornale francese Le Soir, in merito ad alcune dichiarazioni passate di Lady Gaga, nel quale quest’ultima affermava di adorare Madonna sia a livello caratteriale che professionale come nessun altro al mondo, the queen of pop ha prontamente replicato:

“As for Lady Gaga, I have no comment on her obsessions related to me, because I do not know if it is based on something profound or superficial.”

Siamo ben lontani, almeno a giudicare da queste poche righe, da dimostrazioni di stima reciproche.

Voi da che parte state? Lady Gaga o Madonna?

Eh lo so…non ci dormirò questa sera…

Gigi

mercoledì 7 settembre 2011

Animali da spiaggia.

Fotografato al tramonto, spinto a riva dalla corrente. Puzzava e aveva il ventre squarciato. Non si sa di cosa sia morto. Ci ha fatto tanta tenerezza :(

IMG_20110830_192434 IMG_20110830_192424

Gigi

martedì 6 settembre 2011

Passatempi da spiaggia.


Credo sia pratica abbastanza comune, notare e commentare mentalmente, mentre si è distesi sull’asciugamano a prendere il sole, tutti quei fighi che popolano la spiaggia e che ci sbattono in faccia (purtroppo solo in senso figurato) involontariamente tutta la loro prorompente fisicità.
Il bello di andare al mare con Andrea è che i pensieri mentali diventano reali nel momento stesso in cui nascono. Inizia così una sorta di gara a chi riesce a trovare il culo più bello, i pettorali più definiti, il ragazzo più arrapante, il pisello più stupefacente.

E se qualcuno dei due non nota l’armadio a quattro ante che passeggia sul bagnasciuga con la faccia da tiprendoetisbatto, ci pensa subito l’altro a chiedere “e quello?”. (sottointeso telofaresti?).

L’unico problema è che non riusciamo mai a trovare qualcuno che metta d’accordo entrambi. Come se dovessimo girare la versione italiana di “
A Shot at Love with Tila Tequila”.
Abbiamo due modelli maschili completamente diversi, tanto che in più di un’occasione ci siamo tranquillamente detti “ma io con te, che ci sto a fare?”. Perché poi alla fine né io, né lui incarniamo il nostro ideale di uomo. Ci piacciamo e basta, senza un perché. Come quelli che apprezzano o disprezzano i tagli su tela di Lucio Fontana.

Non abbiamo trovato un accordo nemmeno nel commentare una coppia di ragazzi che ci stava accanto. Indecisione totale su chi dei due era il più figo, terminata con un “io mi tromberei quello di destra”, “io quello di sinistra”. Sicuramente, ecco, non ci ruberemo gli amanti.



E’ capitato tuttavia che un giovane ragazzo con uno slip color salmone, dal quale si intravedevano mastodontiche sporgenze, con un culo scolpito nella pietra e dei pettorali modellati con il DAS, mettesse d’accordo entrambi.

Giuro, era uno spettacolo, sia nella versione bagnata, mentre con fare deciso emergeva dalle fredde acque del mare cagliaritano, sia nella versione asciutta, mentre il sole e il vento accarezzavano la sua pelle ambrata.

E quello stronzo del suo ragazzo, tra una risata e l’altra, gli palpava il culo!

Gigi

lunedì 5 settembre 2011

Il balzo del leopardo.


Leopardo-attacca-638x425.2jpg 
Gigi

Related Posts with Thumbnails
Si è verificato un errore nel gadget

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. Gli Autori dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi agli Autori di questo blog, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Alcune delle foto presenti su questo blog sono state reperite in internet: chi ritenesse danneggiati i suoi diritti d'autore può contattarci per chiederne la rimozione.

Hottest Men

Blogger templates made by AllBlogTools.com

Back to TOP