sabato 20 giugno 2009

Morte annunciata di un referendum

La probabilità che il referendum del prossimo 21 giugno possa raggiungere il quorum previsto per la sua validità è praticamente uguale a 1 su un miliardo. Già ho spiegato in un mio precedente post i quesiti referendari con le motivazioni di chi è a favore del SI e chi invece a favore del NO. Ebbi modo di dire che con molta probabilità avrei votato no ai primi due quesiti e si al terzo quesito, cioè quello relativo al divieto di candidarsi contemporaneamente in più circoscrizioni. Rimango ancora di questa idea.

La vittoria dei SI (ai primi due quesiti) darebbe la maggioranza dei seggi del Parlamento al partito più votato eliminando in questo modo quel potere "ricattatorio" dei piccoli partiti all'interno delle coalizioni, però allo stesso tempo darebbe un potere fortissimo ad un partito che con poco più del 35% dei consensi governerebbe in maniera incontrastata. Calandoci un attimo nella realtà attuale, Berlusconi potrebbe diventare veramente il signore padrone e sovrano dell'Italia.

Questo referendum non cancella quella legge porcata scritta dalla Lega e votata dalla maggioranza di destra, ma crea un sistema elettorale ancora più distorto facendo scomparire qualsiasi forma di minoranza e creando due grandi partiti dove all'interno dei quali ci troveremmo un pò di tutto così come sta succedendo ora con il PD. Non vi è dubbio che questa legge elettorale vada cambiata ridando potere agli elettori di poter scegliere i propri eletti reintroducendo le preferenze, ma questo referendum non risolve un bel niente.

NO alla scheda viola
NO alla scheda beige
SI alla scheda verde

*A seguito di una segnalazione di un lettore del blog (grazie Leppie) informo che i colori delle schede sono cambiati rispetto a quelli originari. Ora sono Viola per il primo, Beige per il secondo e Verde per il terzo.

----------------
Ho omesso di dire perché penso che il referendum non raggiungerà il quorum: perché il quesito è troppo tecnico e non è stato spiegato a sufficienza dai media. All'inizio pensavo che questo referendum avrebbe ridato le preferenze, avrebbe inferto un colpo mortale al porcellum, ho dovuto informarmi su internet per capire che così non era. Se si chiede in giro, la gente non sa nemmeno di cosa si parli, non è di quei referendum che pongono un quesito chiaro come quelli sull'aborto o sul divorzio. Credo con tutta onestà che la gente andrà al mare, una piccola speranza ci viene solo dal meteo che questo fine settimana porta pioggia in tutt'Italia.

MirkoS

6 commenti:

Alessandro! 20 giugno 2009 12:44  

E cosi sarà!

SkraM 20 giugno 2009 13:30  

non dire cosi dai..

magari invece il quorum lo raggiungiamo...

io a dire la verita sono ancora un po indeciso su cosa fotare....

mi spiego.. sicuramente si alla scheda rossa ma per le altre 2 non so... ok si correrebbe il rischio che berlusconi abbia la maggioranza sempre e cmq... ma pero si farebbero fuori i partitelli e gli inciuci con tanto di ricattini... bho.. sono indeciso

MirkoS 20 giugno 2009 13:43  

Marco anch'io ero indeciso, però pensandoci bene il problema degli inciuci è dovuto a come vengono formate le coalizioni. Se tu la coalizione la fai per battere Berlusconi e ci metti dentro partiti completamente opposti allora si fa la fine che ha fatto Prodi, però se la coalizione viene creata con un obiettivo politico, e non quello di battere Berlusconi fine a se stesso, allora la coalizione non sarà succube dei partitelli anzi questi porterebbero un valore aggiunto che è quello di garantire i diritti delle minoranze.

Per esempio il PD è un partito unico, se passasse il referendum e lui ottenesse più voti di Berlusconi avrebbe la maggioranza in Parlamento. E tu te lo vedi governare con la Binetti, la Bindi, Fassino, D'Alema e compagnia bella?

Leppie 20 giugno 2009 15:05  

Ciao,
scusa... Ho letto quasi per caso il tuo post, volevo solo far notare che i colori delle schede sono cambiati (o meglio, non sono quelli degli spot):
Viola il primo,
beige il secondo
verde il terzo,
e un lettore potrebbe prendere il viola per rosso e il beige per bianco.

Ministero Interno

MirkoS 20 giugno 2009 15:12  

Grazie per la segnalazione Leppie, io ero rimasto ai vecchi colori, magari l'avessero pubblicizzato di più in televisione saprei bene i colori... che tristezza i nostri mezzi di informazione, ormai ci dobbiamo affidare al passaparola.

Manu 21 giugno 2009 15:24  

FALLIMENTO TOTALE: ore 12 4% ha votato :(
E giù soldi x nullaaaaaaaaaaaaaaa

Related Posts with Thumbnails
Si è verificato un errore nel gadget

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. Gli Autori dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi agli Autori di questo blog, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Alcune delle foto presenti su questo blog sono state reperite in internet: chi ritenesse danneggiati i suoi diritti d'autore può contattarci per chiederne la rimozione.

Hottest Men

Blogger templates made by AllBlogTools.com

Back to TOP