lunedì 22 marzo 2010

E venne il giorno (parte 2)

Arranco con le parole. Giuro che in quel momento ho pensato “ecco ci risiamo, stavolta mi manda via definitivamente”. Finché, come se la divina provvidenza avesse preso possesso di lei, mi dice “apri pure il libro e trovami il pezzo che ti sto chiedendo”. Mi son fiondato su quelle pagine come se contenessero rivelazioni scottanti sulla sessualità di Tiziano Ferro. Trovo quelle cinque righe scritte in grassetto maiuscolo, in una pagina completamente pulita, senza una minima sottolineatura fatta da me e le indico con il dito. Lei guarda il foglio, poi guarda me e dice sorridendo “Certo che siete poco furbi. Vi do la possibilità di aprire il libro in sede d’esame e voi venite col libro completamente BIANCO. Ma scrivetevela una parola di fianco, delle indicazioni ai lati”. “Non ho studiato da questo libro” ribatto io. Effettivamente era vero, (a prescindere dal fatto che la prefazione non l’avevo letta) il libro dal quale avevo studiato era in condizioni troppo pietose per essere aperto di fronte a lei. Se ad esempio devo ricordarmi le trame delle storie son solito chiamare le protagoniste con poco piacevoli epiteti. Quindi non è insolito trovar scritto “stà troia qui se l’è fatta col frocio represso, la puttanona l’ha presa in culo da tizio, oppure avendo beccato più di un errore ortografico (I dove non ci volevano ad esempio) ho evidenziato tutto dando dell’ignorante alla scrittrice che in questo caso, coincideva giustappunto con la prof. Lei sorride di nuovo e risponde “eccolo lì, tutti ogni volta tirano fuori questa scusa”. “E’VVVAAARO” mi difendo io, dando voce al Marco Carta che alberga in me. Finché non mi chiede di analizzare bene quei versi. Mi metto d’impegno, traduco, invento, lei annuisce, io proseguo. Si parla di “spiare le persone nella vita privata”, che è un pò quello che si propone uno degli scrittori del quale parliamo. Da lì al grande fratello il passo è veramente breve. Mi chiede se lo seguo, mi chiede chi ha vinto, mi chiede se il vincitore ha meritato, mi chiede quanti soldi ha vinto, si parla del suo malore in tv. Si torna ben presto seri, è già passata un’ora d’orologio. Decide di farmi una domanda simile a quella che l’ultima volta mi ha fatto fallire l’esame. Vuole farmi tradurre dall’inglese all’italiano una mezza pagina, però stavolta incredibilmente me la fa scegliere lei. Mentre cerco il pezzo che conosco meglio, continua a fare domande, non vedo l’ora mi capitino tra le mani quelle cazzo di righe. Le trovo, sospiro di sollievo, leggo e traduco. “Si vede che questa volta le hai fatte” mi dice. “Allora, che voto ti diamo?” Io già al settimo cielo per il fatto che comunque vada scriverà qualcosa sul libretto rispondo “faccia lei”. “27”. In tre secondi il mio libretto è sulla cattedra. Non posso fare a meno di notare la scrittura old style, tutta tremolante, simile a quella di mia nonna. Sbaglia perfino nella data, dove perde un 2 per strada. 19.03.010. Ma in fondo che mi frega, al massimo lo aggiungo io dopo. Firma. Mi alzo, ringrazio, saluto e vado via. Ha così fine, dopo poco più di tre ore dilazionate in due sedute, l’esame più lungo della mia carriera universitaria.

E’ finita, libri chiusi fino ad aprile. Spero.

Gigi

7 commenti:

desaparecido 22 marzo 2010 18:57  

complimentoni :-)
il traguardo è sempre più vicino.

lettore affezionato 22 marzo 2010 19:18  

alèèèè...ci hai fatto penare, però tutto è bene quel che finisce bene :)

Manu 22 marzo 2010 22:37  

Posso sapè che le hai dato di così grosso che le tremavano le mani?

un VENTISETTEEEEEEEEEEEEEEEEE :p:p
EVVAIIIIIIIIIII GIGE'!!!!!!!!!!!
Ora puoi pure cazzeggiare (non sarebbe una novità) per un mese.....
Stasera si brinda, domani pure, posdomani pure.....D:D:D:D:D:D
Poi pero sui libri ehhhhh, voglio leggerti laureato prima che diventi etero!!!!!! thieeeeeeeeee

davide 23 marzo 2010 09:01  

27 ??? Porco cane che culo sfacciato hai avuto :D Compliments. Goditi sto meritato riposo

Maurizio87 23 marzo 2010 11:43  

Non so cosa ti renda più felice in questo momento: se il 27 o il fatto che non dovrai più vedere in faccia la prof. ... fammi pensare uhmmm. Complimenti davvero, ma adesso cerca di prenderti un pò di riposo che te lo meriti ;)

Marco 23 marzo 2010 12:42  

Bravo Gigè!!!! :D :D E finalmente questo voto è arrivato...ammetto che la prima parte l'ho letta solo dopo che hai postato la seconda...non fosse altro che per l'ansia che riesci a far salire!!!! :D :D Ora ci vuole un po' di sano riposo (meritatissimo) quindi...buona settimana di ferieeeeeee!!! :D :D ciau gigi!!

SkraM 26 marzo 2010 15:53  

ERA ORA

congratulazioni :)

Related Posts with Thumbnails
Si è verificato un errore nel gadget

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. Gli Autori dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi agli Autori di questo blog, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Alcune delle foto presenti su questo blog sono state reperite in internet: chi ritenesse danneggiati i suoi diritti d'autore può contattarci per chiederne la rimozione.

Hottest Men

Blogger templates made by AllBlogTools.com

Back to TOP