mercoledì 22 settembre 2010

The Dangers of Masturbation.

 


Once a month is THE day. De che?


Come le donne ogni 28 giorni hanno le mestruazioni, io una volta al mese ho bisogno di essere sboccato e parlare di sesso. Ed è comprensibile dato che per ovvie ragioni sono impossibilitato a farlo. Quindi mi concedo questa full immersion nella volgarità, tra cazzi, onanismo e racconti di vita vissuta, sperando che la mannaia della censura non si abbatta su questo povero blog.
L’ultima volta sono rimasto al periodo della scoperta delle seghe. Un periodo che ha portato in me diversi cambiamenti, compresa l’ossessione di masturbarmi ogniqualvolta mi venisse voglia senza badare più di tanto ai luoghi.
Capitava così di trovarmi in biblioteca, colto da quell’irrefrenabile impulso e di recarmi di corsa al cesso per dare sfogo ai miei istinti, tra una ricerca di geografia e una di storia. O a scuola, soprattutto dopo le ore di educazione fisica quando senza farmi beccare spizzavo con occhio di lince il contenuto degli slip dei miei compagni di classe e desideravo fermare il tempo o possedere una vista a raggi x per rendere reali le mie supposizioni. Scrutavo su tutti un ragazzetto, molto più sviluppato di noi, con la barbetta, un fisico scolpito e quei peli sul petto che ancora oggi mi fanno sbarellare quando li vedo. Io son fan della peluria che sbuca appena dalla camicia, delle ascelle non depilate e in generale del pelo al posto giusto e in giuste quantità, specie se corredato da pettorali almeno decenti. 
La mia eccitazione era talmente improvvisa e devastante che non riuscivo mai a restare con le mani in mano. Infatti puntualmente finivano sul pisello. Quell’anno si distinse tra le altre cose, per il tanto odiato apparecchio ai denti che mi costringeva a percorrere ampi tratti di strada in macchina, con mia mamma poiché il dentista si trovava a diversi chilometri da casa mia. Con la scusa del maggiore spazio preferivo sempre viaggiare sui sedili posteriori.
E ora il mondo può sapere che una volta sono riuscito a segarmi in macchina, con mia madre che guidava e io che fingevo di dormire dietro il suo sedile senza che lei si accorgesse di nulla.
A pensarci oggi mi vengono i brividi e non riesco a spiegarmi che cazzo avessi in testa all’epoca, ma ahimé quando la natura chiamava non riuscivo davvero ad ignorare i segnali. Oppure quando uno è pirla…
Lo sapevo io, avrei dovuto fare l’attore porno, con la media di seghe giornaliere ci rientravo perfettamente.
Ma il momento più imbarazzante in vita mia fu quando mia nonna mi beccò con cinque Postalmarket sparsi per il pavimento, tutti rigorosamente aperti sulle pagine di intimo maschile e con i jeans sbottonati. Appena sentì la porta aprirsi, mi alzai come una furia e preso da un raptus di follia inizia a calciarli e ad improvvisare una partita di pallone con i giornali. Ovviamente mia nonna mi cazziò malamente, ma perché tra tutti i giornali che calciavo c’era pure quello della nuova collezione. Per mia fortuna non aveva intuito…

Gigi

10 commenti:

SkraM 22 settembre 2010 16:06  

ora tu mi devi spiegare come ha fatto tua madre a non accorgersi di te che ti masturbavi dietro di lei..
si fanno palesi movimenti e per quato riguarda i mugugni?

secondo me ha fatto finta di nulla per non imbarazzarti...

Gigi 22 settembre 2010 16:11  

No ma veramente io se voglio riesco a stare completamente in silenzio...cmq in macchina c'è il rumore del motore, del vento che entra dai finestrini, della musica...

e poi non c'è bisogno di muovere freneticamente il braccio, non te lo so spiegare tecnicamente ma bastano il glande e la mano :)

Davide 22 settembre 2010 16:31  

Eh ma....arrivavi alla fine??? Cioè come ti pulivi poi in machina?

questa storia è allucinante, non so se potrò più guardarti come prima :D

Gigi 22 settembre 2010 17:33  

Va beh Da, erano le prime volte, non c'era granché da pulire...
Cercavo cmq di essere più antisgamo possibile!

No va beh, voi vi stupite, ma alcuni miei amici mi han detto che nelle loro classi c'era gente che si segava durante la lezione O.o

Qualcuno era stato beccato infatti poi era successo un putiferio e avevano indetto assemblee con i genitori.

Davide 22 settembre 2010 19:13  

Ma che è?? L'ormone sardo? :P

Alessandro! 22 settembre 2010 19:26  

Ma tu sei Scocciato!!!

Te capisco!

Marco 22 settembre 2010 19:29  

Ed in effetti è così! In classe mia c'era un ragazzo che si portava dietro un'agenda. Peccato che all'interno non c'erano appuntamenti o compiti per il giorno dopo...ma figure stampate o tagliate da qualche giornaletto allegro!!! E ovviamente...durante le ore più pallose o le lunghe interrogazioni...beh...come direbbe gigi...non se ne stava con le mani in mano! Ora io non so se sia leggenda o meno...ero un antipatico secchione il primo anno e me ne stavo al primo banco, in disparte...bah storia vecchia...però ricordo che se ne parlava tanto in classe!! Poi sto tipo ha cambiato scuola e la storia finì!

Pegasus 22 settembre 2010 21:21  

Anche io sto sempre in silenzio, non mi escono ansimi di piacere, e...ehm Gigi potrei stare insieme a te sul podio della porcaggine, questa estate sono riuscito a masturbarmi sul traghetto che portava e riportava noi ragazzi dalla discoteca mentre guardavo quello per cui sbavavo tutti i giorni che stava proprio a due posti dal mio (ok ho una piccola scusante, ero ubriaco! =P) ..che io ricordi nessuno si è accorto di nulla!
Ah comunque sssshhh io non ho detto niente eh! :D

Gigi 22 settembre 2010 22:56  

Grande Peeeg *_*

Manu 22 settembre 2010 23:33  

No Comment :(((((((
Prego perchè Gigi si redima presto e bene :p:p

Related Posts with Thumbnails
Si è verificato un errore nel gadget

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. Gli Autori dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi agli Autori di questo blog, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Alcune delle foto presenti su questo blog sono state reperite in internet: chi ritenesse danneggiati i suoi diritti d'autore può contattarci per chiederne la rimozione.

Hottest Men

Blogger templates made by AllBlogTools.com

Back to TOP