giovedì 7 luglio 2011

La casa.


Che non ha nulla a che fare col film horror datato 1981 di Sam Raimi. Almeno non dal punto di vista di Andrea. Io più di un’obiezione l’ho sollevata. Anche a me, da fuori, sembrava una casa normale. Lui dice che ha scoperto il mondo dei colori guardando Real Time. Io una volta, su Real Time, ho guardato Paint Your Life e ho capito molte cose. Le ha capite pure mia nonna che viaggia sull’ottantina. Ci vuole un bel coraggio a spacciare certe cianfrusaglie per opere d’arte. No ma dico, se un lampadario si trova tra i rifiuti, ma perché non lasciarlo lì? Ma che male ha fatto? Perché subire anche l’umiliazione di una decorazione di pessimo gusto? Tanto nella spazzatura ci finisce in ogni caso.

Ma il fatto più inquietante è che nonostante considerassi terribile ogni singolo oggetto creato in quel laboratorio malefico, non sono riuscito a spegnere la tv prima della fine della trasmissione. Perché dovevo vedere fino a che punto si poteva superare il limite del kitsch. Tra l’altro nella puntata che ho visto, la sorridente e ingegnosa Barbarba Gulienetti, ricopriva i cassetti di un mobile con una fila incredibile di matite. Ora dico io, ma piuttosto che sputtanare uno stipendio in matite, che si ok, se hai 12 anni è anche carino l’accostamento “studio-matite”, ma cazzo, ma non fai prima ad andare all’Ikea e con 24 euro comprare una cassettiera Rast?



Comunque tutto questo discorso per farvi capire che nel discorso casa, io sono un telespettatore medio. Andrea è il clone del Belzebù dell’arredamento. Il braccio destro di Lucifero. Le nostre preferenze cozzano come Minzolini e la libera informazione, come Vasco Rossi e le vere rockstar, come Martina Stavolo e Maria De Filippi.
Io sono per i colori pastello, per la modernità non ostentata, per il bianco candido. Nooo, lui no. E infatti ha dipinto una parete di grigio, ha fatto montare una cucina grigia, (che a me sembra marrone) con un tavolo futuristico in vetro e acciaio e ha comprato un divano rosso fiammante. Giuro, se le altre cose hanno un senso riconducibile al proprio gusto personale, il divano un senso non ce l’ha. Roba che se chiami la suddetta Barbara Gulienetti è capace pure di migliorarlo. Magari le matite a stò giro le avrei messe sotto i cuscini, in modo che mentre lo provava si fosse punto il culo svegliandosi dal torpore che ha contribuito a farglielo acquistare.

Io l’ho soprannominato Dumbo. Quelli che dovrebbero essere due braccioli, sembrano in realtà due enormi orecchie. Se credete che stia esagerando, non sto’ dicendo nemmeno la metà delle cose che gli ho detto quando ho visto quel divano. La cosa che mi ha fatto più sorridere è che gli ho chiesto “ma a tua mamma piaceva?” Risposta “no, non piace a nessuno”. Ma cazzo amore mio, ci sarà un motivo se non piaceva a nessuno e se godeva di un buono sconto. Roba che quando l’hanno dato via, in negozio hanno stampato lo champagne delle grandi occasioni. Tempo tre mesi e glielo tiravano in testa, perché occupava spazio in magazzino.

Da tutto questo, cosa abbiamo dedotto? Che chi ancora non fosse stato risucchiato dalle trasmissioni di Real Time è meglio che ne stia alla larga perché nuoce gravemente alla vita di coppia.

Gigi

9 commenti:

Gianpy 7 luglio 2011 15:47  

Ammazza quante cose avete combinato in questi mesi! :O
Se io pensassi a quello che ho combinato nello stesso arco di tempo, comincerei a ridere fino a farmi venire una paresi facciale -_-"

Premesso che non avevo nemmeno idea di cosa fosse Real Time prima del tuo post, direi che come gusti sono moooolto più simile a te, però mi sono anche reso conto che col tempo la sobrietà annoia, quindi, FORSE, con l'originalità di Andrea le cose potrebbero andare diversamente :)

Bert 7 luglio 2011 17:58  

io a questo punto spero di poter ammirare presto una foto del divano.

Davide 7 luglio 2011 20:17  

@Gianpy: vabbè ma che gay sei?? nOn puoi non conscere il favoloso mondo di real time dai! mettiti subito al passo con i tempi :P

@Gigi: come ti capisco caro mio. Io e Ben pure litighiamo, beh diciamo discutiamo, parecchio sull'arredamento. Io sono per inserire armoniosamente pezzi di antiquariato in un contesto moderno, accogliente e armonioso. Lui è per il minimalismo tout-court senza se e senza ma. Forme e linee fredde, assenti e impersonali per un futuro in chiave architettonica. Insomma...verrà fuori una merda la casa hahahaha :D

Vince Symo 7 luglio 2011 20:22  

Di 'Paint Your Life' ho parlato anche io qualche tempo fa... ma non pensavo potesse portare addirittura a litigi in una coppia... :O :D

Gigi 7 luglio 2011 22:59  

Bert, presto la posterò :)

Davide, l'antiquariato nooooooo! Quanto odio stì pezzi di roba vecchia! Qui a casa abbiamo alcune cose della seconda metà dell'800, forse anche prima, accuratamente relegate in soffitta.

Vince ho letto uhauahah! Anche se per dovere di cronaca Andrea s'è ispirato più a cerco casa che a paint your life :)

Gianpy 8 luglio 2011 08:09  

ahahahah Dave!! ... in effetti quella domanda comincio a farmela anch'io... diciamo che la mia gayezza ormai è puramente nominale . Vado a sentirmi Memory della cara vecchia Barbra, così magari rinGAYsco un po' :D


p.s. ma avete censurato il commento di Pietro, il settantaseienne spacciatore di semi di cannabis femminizzati!!! auhauhauhauhauha

Anonimo 8 luglio 2011 10:04  

http://youtu.be/0v1A9gBEFlg

Gigi 8 luglio 2011 14:53  

ahahah Gianpy, sei riuscito a leggerlo? Io sono morto sul "Sono un ragazzo di 76 anni" uhauahauh

Manu 8 luglio 2011 21:04  

Cavolo pure a me nn piacciono le tonalità forti!!
EVVIVA: sono guarito :-(((((((((
Gia mi immagino la foto del "dumbo" con Gigi sdraiato a mò di pascià!

Related Posts with Thumbnails
Si è verificato un errore nel gadget

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. Gli Autori dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi agli Autori di questo blog, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Alcune delle foto presenti su questo blog sono state reperite in internet: chi ritenesse danneggiati i suoi diritti d'autore può contattarci per chiederne la rimozione.

Hottest Men

Blogger templates made by AllBlogTools.com

Back to TOP